Giulia Bencivenga – Unreasonable Whole

Traduzione di Francesca Del Zoppo

 

Giulia Bencivenga, Unreasonable Whole (Gauss PDF, 2018)

*

II. La malattia in sé

 

+

+

+

ho perso il mio corpo molte volte                    svegliata legata al letto di un tizio                svegliata

da

 

lui                            dentro di me                                    ho perso             il mio corpo                        molte

 

volte

 

mi sono ammalata       di solito siamo in sincro        mi lamento che non è ancora il momento quando                                                                                                                                                [la pancia comincia

 

a farmi male                    l’ho perso mentre ballavo coi miei amici alla festa di ladyfag                fatta di 

 

md                                                                                                                                                 ho perso

 

il mio corpo per malattia                              allettata per mesi                                                il mio letto!

 

il mio letto morbido                                                                                     la mia cara depressione

 

ho perso il mio corpo per malattia                                 ho perso           il mio corpo                        per

 

malattia

 

ho 

 

perso il mio corpo                                                                          per malattia

 

ho perso il mio corpo per malattia

ho perso il mio corpo per malattia ho perso

 

ho perso contro di lui

 

il mio corpo per malattia

 

ho perso il mio corpo ma continuo                                    a pagarci sopra le tasse

+

+

+

+

+

+

+

+

+

+

+

Per sopravvivere, avrei dovuto mangiare.

+

+

+

+

+

+

+

+

+

+

+

+

E comunque, un piccolo seme di bagel o cracker potrebbe annidarsi dentro le sacche del mio intestino, causando irritazione. Si riempirà di pus, poi succederà una delle due cose. O il pus non avrà dove andare e si solidificherà su se stesso, si proteggerà con una sottile membrana cellulare, e un ascesso si presenterà come una perla levigata, o il pus fuoriuscirà – contaminazione. Gli organi non sanno nulla di confini, hanno già cominciato la loro traiettoria di sanguinamento l’uno nell’altro.

+

+

+

+

+

+

+

+

+

+

+

+

Gli effetti collaterali della medicina includono

incubi. Visioni di un uomo che mi colpisce con una mazza,

forse una colomba col collo spezzato.

 

Vorrò non prendere le mie medicine. 

+

+

+

+

+

+

 

+

+

+

+

+

+

+

+

+

Inizierò a domandarmi quale parte di me ce la farà a sopravvivere alla malattia.

Certamente non la flora della mia fica.

Beh, almeno non sembri

malata, dice mia sorella. 

+

+

+

+

+

+

 

+

+

+

Con lo iodio, si ha la sensazione di pisciarsi addosso.

+

+

+

+

+

+

 

+

+

+

+

+

+

Farò un’altra TAC.

L’esposizione alle radiazioni potrebbe benissimo essere la cosa che mi ammazza.

 

La conoscenza non serve

per salvare   il mio corpo.

+

+

+

+

+

+

 

+

+

+

+

+

+

Io sono una scrittrice che scrive ogni giorno ma soprattutto si fa un sacco di cocaina nei locali gay, anche se rispondo sempre con un severo, distintivo No quando il medico mi chiede se prendo droghe ricreative. Sono così sana, non capisco perché stia succedendo a me. Bevo continuamente infusi di curcuma e zenzero e sono vegetariana non perché mi importa degli animali voglio dire la distruzione fa parte della vita della natura ma non voglio contribuire a una società di consumismo e spazzatura mi importa davvero dell’ambiente credo sia davvero importante. 

 

Tutto il dolore è una punizione, o solo quello delicato?

 

Me lo dimentico mentre le dico quanto sono innamorata di lei. Il suo composto dolcevita nero e una nuova frangia si sommano perfettamente alla fantasia che ho già creato dove noi siamo la perfetta super coppia lesbica artistica. Per anni avrebbe misurato con attenzione i bozzoli lattei sul tendine tra il mio pollice e il mio indice. Mamma le dico mentre perdo i sensi prolungando la a. Amo molto Emily, ma occuparsi di lei è tutta un’altra roba.

+

+

+

+

+

+

+

+

+

Come per ogni altra cosa, sono venuta qui per Assoluta Necessità. Per favore ditelo al medico.

+

+

+

+

+

+

+

+

+

+

+

+

Mi chiederanno qual è la mia professione quando andrò al pronto soccorso. Andrò al pronto soccorso tre volte a settimana e ogni volta chiederanno Professione? Ogni volta dirò provocatoriamente POETA!

Sono un’idiota, non è colpa loro. 

Il medico mi guarderà e dirà Non mi meraviglia.

Lui è Platone, che mi caccia perché sa che sono peggio che cattiva – sono inutile.

+

+

+

+

+

+

+

+

+

+

+

QUEL PEZZO DI MERDA! Non lo sa…

 

Io scrivo la malattia fuori dalla mia vita.

 

Io scrivo e dimentico che sto morendo di fame.

 

Io scrivo la gioia di rannicchiarsi davanti

al mio frigo rotto con stupore. Cosa cazzo

ci faccio con una busta di ciliegie, una mezza dozzina di uova? Mi rifiuto

di mangiare un altro uovo mezzo sodo, nonostante l’alto contenuto nutrizionale, nonostante sia semplice

da digerire.

 

Io succhio

una ciliegia, la sua sottile buccia matura

con l’occasione di preoccuparmi.

 

Affettando via il ghiaccio da una ciliegia, io scrivo

il suo eros, un nocciolo saponoso.

+

+

+

+

+

+

+

+

+

+

+

+

care donne malate,                                                                               loro muoiono

bevendo solo trasparenza

            trasparentemente.

***

+

 

II. The sickness in itself

 

 

i’ve lost my body many times            woken up tied               to some man’s bed                    woken up
to

him                       inside me                    i’ve lost                  my body                  many

times

i got sick                            usually we’re in sync                    i groan it’s not time yet when my belly begins

to ache                  i lost it while dancing with my friends at ladyfag’s party                            on

molly                                                                                 i lost

 

my body to sickness                                        bedridden for months                                        my bed!

my plush bed                                                                                              my dear depression

 

i’ve lost my body to sickness                                          i’ve lost                   my body                            to

 

sickness

 

i’ve

 

lost my body                                                                     to sickness

 

i’ve lost my body to sickness

 

i’ve lost my body to sickness i’ve lost

i lost to him

my body to sickness

i’ve lost my body but i keep                           getting taxed on it

 

 

 

 

In order to survive, I should’ve eaten.

 

 

 

 

 

And yet, small seed from bagel or cracker could nestle itself into the pockets of my intestines, causing irritation. It will fill with pus, then one of two things will happen. Either the pus will have nowhere to go and will harden on itself, protect itself with thin cell membrane, and an abscess appears like a smooth pearl, or the pus will spill out— contamination. Organs know nothing of boundaries, have already begun their trajectory of bleeding into each other.

 

 

 

 

 

Side effects of medicine include
nightmares. Visions of a man beating me with a club,
maybe a dove with a broken neck.

 

I will want to not take my medicine.

 

 

 

 

I will begin to wonder what part of me gets to survive sickness.

Certainly not the flora of my pussy.

Well, at least you don’t look

sick, my sister says.

 

 

 

 

With iodine, there is the sensation of pissing oneself.

 

 

 

 

 

I’ll get another CT scan.
Radiation exposure may as well be what kills me.

Knowledge does nothing
          to save      my body.

 

 

 

 

 

I’m a writer who writes daily but mainly does a ton of cocaine at gay bars, although I always answer a
strong, distinctive No when the doctor asks me if I do recreational drugs. I’m so healthy, I don’t know why this is happening to me. I am constantly drinking tumeric ginger tea and I’m a vegetarian not because I care about animals I mean destruction is a part of life of nature but I don’t want to contribute to a society of consumerism and trash I really care about the environment I think it’s really important.

Is all pain punishment, or only the gentle kind?

I forget this as I tell her how in love with her I am. Her demure black turtleneck and new bangs add
perfectly to the fantasy I’ve already created where we’re the perfect artsy lesbian power couple. For
years she would carefully measure milky bumps onto the tendon between my thumb and index finger.
Mommy I swoon to her, drawing out the y. I love Emily much, but caring for her is a different beast
entirely.

 

 

 

 

 

 

 

As with anything, I came here out of Absolute Necessity. Please let the doctor know.

 

 

 

 

 

They will ask my profession when I go to the ER. I’ll go to the ER three times a week and each time
they’ll ask Profession? Each time I defiantly say POET!

I’m a moron, it’s not their fault.

The doctor will look at me and say No wonder.

He’s Plato, casting me out because he knows I’m worse than evil— I’m useless.

 

 

 

 

 

 

THAT LITTLE SHIT! He doesn’t know…

I write sickness out of my life.

I write and forget that I am starving.
I write the joy of crouching before
my broken fridge in amazement. What the fuck
am I going to do with a bag of cherries, half a dozen eggs? I refuse
to eat another medium-boiled egg, despite its high nutritional content, despite it being easy
to digest.

I suck
on a cherry, its thin skin ripe
with opportunity for concern.

Slicking ice off of a cherry, I write
its eros, a soapy pit.

 

 

 

 

 

dear sick women,                                                                                   they die

drinking only transparency
transparently.

 

Immagine: Claudio Chiavacci (2017)

Submit a comment

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...