Matteo Bandello, Rime

Alessandro Roma, Il laghetto ha fatto un velo di ghiaccio (2008)

a cura di Marco Malvestio

*

LXXI

Cavalco il dorso dell’ombroso e altiero,
nubifero Apennin, ch’Italia parte,
e quinci veggio il bel toscano Impero,
che riga l’Arno, e stagna in qualche parte;
quindi poi scorgo il fertile terreno
di Romagna coi colli e valli sparte.
Ma che mi giova, se di doglia pieno
sospiro il Mencio, e ‘l viso bel sereno?

*

LXXII

Aspere rupi, incolti sassi e aperte
dal terremoto e profondate grotte,
d’orror, di fredda tema e d’atra notte
piene, e caverne inospiti e deserte;

strade mai sempre perigliose ed erte
d’alte roine attraversate e rotte,
acque schiumanti con furor condotte
per valli ognor di nuvole coperte;

di famelici lupi e crude fiere,
d’orsi, di serpi e di mill’altre belve,
cove, spelonche, buconi, antri e tane,

e voi, sì spaventose e oscure selve:
com’è che mi facciate qui vedere
chi m’arde e fa le mie speranze vane?

*

CXLV

Alpi nevose, che le corna al cielo
e quinci e quindi oltre misura alzate,
e dall’algente verno, a calda estate
orride sète di perpetuo gelo;

tra voi pavento, e mi s’arriccia il pelo,
ch’al rimbombo che d’acque e sassi fate
sì spaventose ognora vi mostrate,
che di paura tutto tremo e gelo.

S’al basso miro l’occhio non penètra
l’atra profonda ne l’abisso valle,
né all’alto scerno le fumanti corna.

E pur mi veggio ancor dopo le spalle,
che mi persegue Amor con la faretra,
ch’ad ogni passo a saettar mi torna.

***

Matteo Bandello è uno scrittore a parte nel panorama del petrarchismo cinquecentesco, alla ricerca com’è di un rapporto diretto con Petrarca, lontano dei rigidi modelli bembiani. In questo senso, l’origine lombarda e la lunga frequentazione francese generano quel gusto più gotico-cortese che rinascimentale che anima le sue poesie, e che è testimoniato in questi testi dalle animate e partecipate descrizioni paesistiche o, altrove, all’attenzione per una resa più puntuale e meno arcadica della vita contadina (Queste prime uve gialle come cera/ che questa nuova vite prima rende…). Se è vero infatti che le descrizioni di orridi che animano queste poesie sono sostanzialmente irreali, un accumulo quasi fiabesco di dettagli spaventosi, è tuttavia tangibile anche la loro forza espressiva, tutt’altro che lettera morta. Un paragone con Sannazaro o col suo emulo Tansillo permette di cogliere in pieno questa peculiarità.

*

Immagine: Alessandro Roma, Il laghetto ha fatto un velo di ghiaccio (2008)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...