Emilio Rentocchini, Giorni in prova

[In questo mese di pausa, facendo anche riferimento ai risultati parziali del sondaggio pordenonelegge-Dedalus (2001-2011 I libri più belli di poesia), pubblicheremo testi da libri usciti nel decennio per noi significativi ma che non sono potuti rientrare nei cicli precedenti. Le uscite regolari riprenderanno il 15 settembre. Nel frattempo è disponibile e scaricabile qui l’ebook relativo al trimestre maggio-luglio.]

*

Piero Guccione - L'ombra dell'estate


*

da Emilio Rentocchini, Giorni in prova, Donzelli, Roma 2005. Oltre alle versioni d’autore, pubblichiamo le traduzioni in inglese ad opera di Todd Portnowitz; le traduzioni sono già state pubblicate su “The Journal of Italian Translation”, Volume VII, Numbers 2, Fall 2012.

 

There are days, not many, but there are days
when your sympathy scrapes even the heaps of bricks
in the factory yard, as left to their own regard
as questions cast aside inside the brain,
as Sunday, around six or so, at the House Cafè,
when you read in the newspaper of a black hole
that wolfed down another starful of infinity…
God? The universe is an ogre that licks its fingers.

*

A gh’è di dè, mea tant, m’a gh’è di dè
ch’et piàns perfin coi mócc del matonèl
in t’al curtìl del fàbrich, da per sé
dmand dmandi descurdèdi pr’al servèl,
dmand dmèndga vers el sê dal House Cafè
ch’t’e lèt ed cal bus nèigher sul giornèl
ch’al s’è magnê na strèlla dl’infinî…
Dio? L’univèrs l’è un òurch ch’as lècca i dì.

*

Ci sono giorni, non tanti, ma ci sono
che compiangi perfino i mucchi di piastrelle
nel cortile delle fabbriche, da soli
come domande scordate nel cervello
come domenica verso le sei all’House Cafè
quando hai letto sul giornale di quel buco nero
che s’è pappato una stella dell’infinito…
Dio? L’universo è un orco che si lecca le dita.

*

***

*

Autumn, little leavened word, light foot,
just treacherous enough to spend in rhyme
alongside the snare, lustrous, sprung shut,
of a forest quiet—and, at its summit, a sky
glare-struck by a summer stashed in the root
of sentences already come to mind
when the year was wide and the tongue an undulous
liquid in the mouth, life taken twice.

*

Autùn, cina parola lievitèda,
abàsta infìda pr’èser spèisa in rémma
atàch a la taióla lóstra e srèda
dal silèinsi di bosch, col sél in sémma
imbarbaiê in n’istê rincantunèda
a la raìs del frès pensèdi prémma
quand l’era lèregh l’an, la léngua n’ènda
liguida in bècca, vétta a la sechènda.

*

Autunno, piccola parola lievitata,
infida quanto basta per essere spesa in rima
accanto alla tagliola lustra e chiusa
del silenzio dei boschi, con in cima un cielo
abbagliato dall’estate accantonata
alla radice delle frasi pensate prima,
quando era largo l’anno, la lingua un’onda
liquida in bocca, vita alla seconda.

*

***

*

The maker of eyelids, he must have pitied me,
you know, and you laugh when I fail to take you in,
all but your hands, puffed up with maturity,
or else the scar of our ready faith, again,
as I count the apples among the groceries
in your bicycle basket, or, snatching, uncertain, I climb,
down on my knees, up your sweater’s stripes
and up to your tongue in rhyme with your eyes.

*

Chi ha fat la pèla di òc l’ha avû pietê
ed me, t’al sê s’et rédd s’an so guardèrt
fóra ch’el man infièdi da l’etê,
se no al silàch dla vèira sèimpr avèrt,
cuntand i pèmm dla spèisa ch’et gh’è adrê
in al sestlèin dla bici, o am ramp incèrt
ai righ dla màia da scalèr in snòc
fin a la léngua in rémma di tô òc.

*

Chi ha fatto le palpebre ha avuto pietà
di me, lo sai, e ridi quando non so guardarti
fuor che le mani gonfiate dall’età,
se no la cicatrice della fede sempre aperta,
mentre conto le mele della spesa che hai
nel cesto della bici, o m’aggrappo incerto
alle righe della maglia da scalare in ginocchio
fino alla lingua in rima dei tuoi occhi.

*

***

*

Two women, full of years, a summer’s day
walk in the stamp of an odor all their own
behind the city’s narrow shadows, at ease
in their slippers and their dark, floral night-gowns
they know and don’t to keep quiet; under her breath,
searching for air: “This heat, how hot in this house,
the walls are boiling,” and the other, “Eternal Father,
I believe we’ll need to wallpaper for the winter.”

*

Dòu dènni pini d’an un dè d’istê
El camin’n in al témber dal sô udòur,
a spas dre gl’èmbri stécchi dla sitê
col savàt e vistàia scura a fiòur
el san sè e no tasèir; sercànd al fiê,
ónna sètt vòus: “Che chèld in cà, un calòur
ch’a bói i mur,” e ch’l’ètra: “Pedretèren,
bisgnarévv incartèri per st’invèren.”

*

Due donne piene d’anni un giorno d’estate
camminano nel timbro del proprio odore,
a spasso dietro le ombre strette della città
con le ciabatte e vestaglie scure a fiori
sanno sì e no tacere; cercando il fiato,
una sottovoce: “Che caldo in casa, un calore
che bollono i muri,” e l’altra: “Padreterno,
bisognerebbe incartarli per l’inverno.”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...