Senza categoria

Umberto Fiori, Incontro e poesia

Irene Kung, Pingayao

In occasione dell’appuntamento con Poesia nel Tubo di stasera pubblichiamo un pensiero di Marco Villa sulla poesia di Umberto Fiori.

*

di Marco Villa

*

Fin dai suoi inizi, la poesia di Fiori è una possibilità di incontro.
Incontro con l’altro da sé, innanzitutto, con le figure umane tipizzate ma mai assolutizzate che popolano gli scenari urbani di questo universo poetico e che lo sguardo dell’autore toglie dalla nostra esperienza di tutti i giorni.
Ma l’altro è anche la realtà circostante latamente intesa, riconquistata al soggetto tramite la continua ricerca di una de-automatizzazione percettiva: gli equivoci, i ritardi, gli incidenti, i malintesi, le discussioni e le risse, gli incontri lungo una strettoia, lo scoppio di un antifurto sono i molteplici esempi di piccoli sabotaggi quotidiani, umili epifanie che scardinano l’atonia della routine e ridonano senso alle cose. In queste interruzioni, eredi di una grande tradizione novecentesca, la poesia realizza e celebra come mai prima un’apologia delle opportunità conoscitive e rivitalizzanti dell’errore.
Incontro, infine, con la parola stessa. La poesia di Fiori è una formidabile verifica della nostra possibilità di parlare, una verifica mai tautologica (non c’è scrittura più lontana da sterili manipolazioni linguistiche), ma che si pensa solo nell’ottica della comunicazione con l’altro. Una verifica, insomma, che sa di non avere senso di esistere se non tenendo sempre presente il polo simmetrico, la dimensione dell’ascolto.

1 thought on “Umberto Fiori, Incontro e poesia”

  1. Azzarderei che non è tanto l’errore a rivitalizzare, a donare potenza poetica all’esperienza, quanto la PERDITA. È riconoscibile una tradizione poetica della perdita, colta nella sua caratura estrinseca, consequenziale; “come quando/ vengono i ladri:/ tutto sfondato,/ buttato all’aria, aperto./ C’è più luce, le stanze/ sono più grandi.”
    Il discorso si amplia fino a diventare metapoetico; fino a definire il discorso lirico come un’urgenza; PERDERE ogni mezzo retorico, perdere l’uso conscio delle altre forme comunicative, per avvertire la propria voce come una necessità. Il discorso poetico diventa un abbaio canino, una serie di parole volatili, alleggerite dalle precedenti e pesanti significazioni. Quando le parole sono “rumori”, e il discorso “si è perso” diventa necessario e inattaccabile “il verso”.
    Meraviglioso.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...