unplugged

Robert Wyatt, Sea Song. Una riscrittura

*

per A.

Sembri diversa ogni volta,
quando arrivi con le tue creste spumose
e la tua pelle brilla leggermente sotto la luna,
un po’ pesce, un po’ focena, un po’
cucciolo di capodoglio… Dimmelo: sei mia?
E io, sono abbastanza tuo per giocare con te?

Scherzi a parte, di notte sei fantastica –
specie quando sei ubriaca: sei come dico io.
Ma proprio non capisco quella te diversa
del mattino, quand’è ora di far finta
di essere umani, solo per un momento:
sorridi, ti prego.

Lo so, sarai diversa in primavera,
sei un animale che va con le stagioni,
una stella marina sballottata dalla corrente
continuamente, fino a quando il sangue
non rincorre la prossima luna piena.

La tua pazzia sta bene con la mia,
la tua luna gira precisamente con la mia –
soltanto con la mia: non siamo soli.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...