Simon Armitage – Incidenti domestici

Selezione e traduzioni di Dario Gattiglia

Da Book of Matches

xxxxxxxxxxxxx

To Poverty

xxxxxxxxxxxxx

You are near again, and have been there

or thereabouts for years. Pull up a chair.

I’d know that shadow anywhere, that silhouette

without a face, that shape. Well, be my guest.

We’ll live like sidekicks – hip to hip,

like Siamese twins, joined at the pocket.

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX

I’ve tried too long to see the back of you.

Last winter when you came down with the flu

I should have split, cut loose, but

let you pass the buck, the bug. Bad blood.

It’s cold again; come closer to the fire, the light,

and let me make you out.

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX

How have you hurt me, let me count the ways:

the months of Sundays

when you left me in the damp, the dark,

the red, or down and out, or out of work.

The weeks on end of bread without butter,

bed without supper.

xxxXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX

That time I fell through Schofield’s shed

and broke both legs,

and Schofield couldn’t spare to split

one stick of furniture to make a splint.

Thirteen weeks I sat there till they set.

What can the poor do but wait? And wait.

xxxxxxxxxxxxxxxx

How come you’re struck with me? Go see the Queen,

lean on the doctor or the dean,

breathe on the major,

squeeze the mason or the manager,

go down to London, find a novelist at least

to bother with, to bleed, to leech.

xxxxxxxxxxxxxxxxx

On second thoughts, stay put.

A person needs to get a person close enough

to stab him in the back.

Robert Frost said that. Besides,

I’d rather keep you in the corner of my eye

than wait for you to join me side by side

at every turn, on every street, in every town.

Sit down, I said sit down.

xxxxxxxxxxxx

Al Bisogno

xxxxxxxxxxxxx

xxxxxxxxxxxx

Sei vicino di nuovo, e lì sei stato per anni

o nei dintorni. Prendi una sedia.

Ovunque distinguerei quell’ombra, il contorno 

senza un volto, quella forma. Benvenuto, insomma.

Vivremo da compari – fianco a fianco, 

i gemelli siamesi, amici per la tasca.

xxxxxxxxxxxxxxxxx

Troppo a lungo ho voluto farmi dare la schiena.

L’inverno scorso, quando hai preso freddo

invece di telare, e tagliar corto, ti ho lasciato 

scaricare il barile, il bacillo. Sangue cattivo.

Fa freddo di nuovo; avvicinati al fuoco, alla luce,

e lasciati scoprire. 

xxxxxxxxxxxxxxxxx

In quanti modi mi hai ferito, lasciami contare:

mesi interi di domeniche, quando

mi hai lasciato al buio, in rosso, nel fango, 

oppure allo sbando, o in mezzo alla strada.

Settimane infinite a pane senza burro,

letto senza cena.

Quella volta, quando a Schofield ho sfondato il capanno

rompendomi entrambe le gambe

e Schofield non poteva rinunciare

a due schegge di mobilio per la stecca.

Tredici settimane lì seduto, per guarire.

Ma che può fare il povero se non aspettare? E aspettare.

xxxxxxxxxxxxxxxxxx

Perché ti piaccio tanto? Vai a palazzo 

dalla regina, pressa il decano o il dottore,

alita addosso al sindaco,

spremi il massone o il manager,

va’ fino a Londra e piglia un romanziere, almeno,

per il disturbo, lo spurgo, il salasso.

A ripensarci bene, fermo.

A un uomo serve un uomo da vicino per piantargli

tra le scapole il coltello.

Robert Frost l’ha detto. E comunque

preferisco fissarti nella coda dell’occhio

che aspettare di averti al mio fianco

a ogni angolo, per ogni strada, di ogni città.

Seduto. Sta’ seduto ho detto.

xxxxxxxxxxxxxxxxxxx

The Lost Letter of the Late Jude Fry

xxxxxxxxxxxxxxxx

Wake.

And in my head

walk barefoot, naked from the bed

towards the day, then

wait.

xxxxxxxxxxxxxxxxxx

Hold.

The dawn will crack

its egg into the morning bowl

and him on horseback,

gold.

xxxxxxxxxxxxxxx

Me.

I’m in the shed, I’m

working on it: a plus b plus c, it’s

you, him, me. It’s

three.

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Hell,

this hole, this shack.

The sun makes light of me

behind my back.

Well,

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

good.

I give you the applause

of ringdoves lifting from the wood

and, for an encore,

blood.

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Look,

see, no man

should be me, the very opposite

of snowman:

soot.

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

I

work that black dust

where I slice your name into my forearm

with a jackknife: L.A.U.R.E.

Y.

xxxxxxxxxxxxxxx

You

at the window now,

undressed. I underestimated him,

never saw you as a pair, a

two.

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Yours.

That’s him, for sure.

The sun will have its day,

its weeks, months,

years.

xxxxxxxxxxxxxxxxx

Fine.

But just for once, for me,

dig deep, think twice, be otherwise, be

someone else this time.

Mine.

xxxxxxxxxxxxxxxxxxx

La Lettera Perduta del Defunto Giuda Fry

xxxxxxxxxxxxxxxx

Sveglio.

Nel mio cervello

avanzo scalzo, nudo dal letto

verso il giorno, quindi

attendo.

xxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Tieni duro.

L’alba spunterà il suo guscio

nel portauovo del mattino

e lui a cavallo, un uomo

d’oro.

xxxxxxxxxxxxxxxxxxx

Me.

Io sono nel retro, e ci sto

facendo i conti: a più b più c, fa

io, lui, te. Fa 

tre.

xxxxxxxxxxxxxxxxxx

All’inferno,

questo buco, questa baracca.

Il sole fa il brillante

dietro alle spalle.

Certo, alla

xxxxxxxxxxxxxxxxxx

grande.

Ti concedo l’applauso

di colombe che si alzano dal bosco

e, come bis, del

sangue. 

xxxxxxxxxxxx

Vedi te, 

guarda, nessun uomo

dovrebbe somigliarmi, il contrario esatto

del pupazzo di neve:

fuliggine.

xxxxxxxxxxxxxxxxx

Io

incido quel carbone

in cui traccio il tuo nome sopra al braccio 

in punta di coltello: Elle. U. 

Di. O.

xxxxxxxxxxxxxxx

Tu

alla finestra ora

nuda. L’ho preso sottogamba

non vi avrei fatti una coppia, un

due.

xxxxxxxxxxxxxxxx

Tuo –

ecco cosa è lui.

Il sole avrà il suo giorno,

i mesi, gli anni, un

lustro.

xxxxxxxxxxxxxxxx

E sia.

Ma per un istante, per me, va’

fino in fondo, pensaci bene, sii diversa, sii

un’altra questa volta.

Mia.

xxxxxxxxxxxxxxxxxx

Penelope

xxxxxxxxxxxxxxxx

your man is long gone, and I have loitered

by your garden gate; weeded the border,

turned the soil over, waited on your word.

xxxxxxxxxx

There is a quilt or sheet or counterpane

strung out across a tenterframe; by day

you make it, sitting in the window seat.

xxxxxxxxxx

And you have crossed your heart and hoped

to die, promised that this cover, blanket,

bedspread, when completed, will envelop me 

with you.

xxxxxxxxxx

Penelope, one night last June

I came for fruit, and from the crow’s nest

of the cherry tree I made you out:

unhitching one day’s stitching, teasing knot

from thread, releasing warp from weft…

I dropped down from the tree and left.

xxxxxxxxxxxxxx

That’s fine. You’re buying time, holding your breath,

watching, waiting for your man to show.

xxxxxxxxxx

I’m in the garden picking you a rose.

This new strain with their frantic, crimson heads,

open now and at their very best, having dozed

all winter in a deep, rich bed, the trench

I sank one evening by the potting shed.

I mark the best bloom, take it at the neck.

xxxxxxx

Penelope

xxxxxxxxxxxxxxxx

il tuo uomo è andato da tempo, e ho indugiato 

al tuo cancello in giardino; ho sarchiato l’aiuola,

voltato il suolo, atteso il tuo verbo.

xxxxxxxxxx

Si vede un piumino, un plaid o un lenzuolo 

starsene appeso lungo un telaio; di giorno 

tu lo produci, sedendo al finestrino.

xxxxxxxxxxx

E segnandoti il petto hai giurato e promesso

sulla tua vita che questa trapunta, copriletto o

coperta, quando completa, avrebbe coinvolto me

con te.          

      xxxxxxxxx                                           

Penelope, una notte di giugno 

ero in cerca di frutti, e dal nido del corvo

sopra al ciliegio, io ti ho svelata: 

slacci i lacci del tuo giorno, disfi 

nodo e filo, sciogli trama e ordito…

Caduto dall’albero, sono fuggito. 

xxxxxxxxxx

Capisco. Stai prendendo tempo, tenendo il respiro,

tu osservi, attendi il tuo sposo.

xxxxxxx

Sono in giardino e ti colgo una rosa.

Questa varietà nuova, dalle teste sanguigne

che ora si aprono al meglio del meglio, dopo un letargo

di tutto l’inverno in un letto succoso, e profondo, il fosso

che ho aperto una sera dietro il capanno.

Scelgo il fiore più degno, il collo gli stringo.

xxxxxxxxx

Da Cloudcuckooland

xxxxxxxxxx

Canes Venatici

xxxxxxxxxxxxxxxx

Dog-sitting back at the house after the big split,

cat-napping, I wake from a dream of longitude

and big ships. A power-cut, every clock in the place

on the blink. I fish for a knife in the sink.

xxxxxxxxxxx

In Santiago, it’s dawn. Here on the banks of the Colne

I bury the blade in the powders of sympathy[1] – maybe

you moan, turn in your sleep, finger the lips

of an old wound. Oh, and you think that it’s twelve noon.

xxxxxxxxx

Cani da Caccia

xxxxxxxxxxxxxxxx

Badando al cane, qui a casa dopo la grande lite,

inizio a ronfare. Emergo da un sogno di longitudine 

e grandi fregate. Poi un black-out, ogni orologio

fermo sul posto. Pesco un coltello dentro al lavabo.

xxxxxxxxxxxxxx

A Santiago, fa giorno. Qui in riva al Colne 

io pianto la lama dentro alle polveri di simpatia1 – forse

tu gemi, ti volti nel sonno, porti le dita 

a una vecchia ferita. Ah, e pensi pure che sia mezzogiorno. 

xxxxxxxxxxx

Cepheus

xxxxxxxxxxxxxxxx

The king who whistled Dixie while his queen pulled faces

at the gods; and when they dragged his daughter

to the rock went walkabout in Ethiopia. He’s down

in my book as See Cassiopeia, See Andromeda.

xxxxxxxxxxxxxxxx

Cefeo

xxxxxxxxxxxxxxxx

Il re che Dixie fischiettava mentre la sua signora 

snobbava gli dei; e quando la sua figliola fu portata 

di peso alla roccia se ne andò a spasso in Etiopia. Sta 

nel mio libro nero, sotto Vedi CassiopeaAndromeda.        

xxxxxxxxxx

Per scaricare le traduzioni: Incidenti domestici

Immagine di copertina: Francesca Baldi


[1] https://royalsociety.org/blog/2022/01/powders-of-sympathy/

Submit a comment

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...